Posizione e Confini

italia

L’Italia ha una superficie di circa 322.000 km2, mentre entro i confini politici la sua superficie è di 301.277 km2. Lungo l’arco alpino l’Italia confina a occidente con la Francia, a nord con la Svizzera e l’Austria, e a est con la Slovenia. Il confine marittimo è costituito a occidente dal mar Ligure, dal mar Tirreno e dal mar di Sardegna (a ovest dell’isola da cui prende il nome), a sud dal mar di Sicilia, e se dal mar Ionio e a est dal mar Adriatico, comprendendo in questo confine numerose isole e arcipelaghi.

Le coste italiane

Le coste italiane sono caratterizzate sia da marine basse e uniformi (specie nel versante adriatico, proprio come a Sottomarina) sia da scogliere alte e frastagliate che formano numerose baie e golfi (di Genova, Gaeta, Napoli, Salerno, Taranto, Trieste, Venezia, Policastro, Sant’Eufemia, Squillace, Manfredonia).

Rilievi

Il sollevamento delle Alpi e degli Appennini si è verificato in seguito al congiungimento alpino-himalaiano nel periodo Cenozoico. La fisionomia del paese si è meglio definita nel periodo Neozonico in seguito ai fenomeni eruttivi, al modellamento esercitato prima dai ghiacciai e in seguito dalle acque, e ai depositi alluvionali che crearono le pianure. Il territorio dell’Italia si presenta in massima parte accidentato, poiché è costituito per l’80% da colline e montagne, e solo per il 20% da pianure.

Clima

Le condizioni termiche variano notevolmente da zona a zona, ma soprattutto da nord a sud, non tanto in estate quanto in inverno: a parte le aree montuose, a Milano in media si hanno in luglio 24° e a Palermo 26°; rispettivamente, in gennaio le medie sono di 1° o 2° a Milano, e 12° a Palermo. Quanto ai venti, l’Italia rimane nell’area di influenza dei venti occidentali, di ovest e di sud-ovest soprattutto, che sono apportatori di piogge. Tra l’inverno e la primavera spirano anche venti da nord e da nord-est (bora). In estate, lungo le coste e nelle vallate intermontane prevalgono i venti locali di brezza.