San Martino, patrono di Sottomarina

L’11 novembre si festeggia San Martino, il patrono di Sottomarina.

 

San Martino – conosciuto per aver donato parte del suo mantello a un povero che mendicava – nacque nel 315 a Sabaria (Ungheria). Dopo aver servito nell’esercito imperiale, il vescovo Sant’Ilario lo ordinò sacerdote nel 360 divenendo poi vescovo di Tours nel 371. Intraprese subito la sua missione per evangelizzare gli abitanti della sua diocesi, proteggendo, nel contempo, i poveri contro l’esoso fisco romano. Dopo la morte a Candes, le spoglie mortali dal santo vescovo vennero traslate a Tours. Nel territorio di Chioggia, per la festa di S. Martino, era viva la tradizione, la sera della vigilia, portare gli auguri di calle in calle da parte di gruppi di

donne, specializzate nel cantare le famose “villotte de S. Martin”. Queste compagnie rifacevano il giro delle case visitate anche il giorno della festa per ricevere in ogni luogo i doni, tra i quali i graditi salami, fagioli, qualche braciola di maiale, bottiglie di vino e le famose zucche chioggiotte. Ricordiamo, infine, che in Chioggia, tra gli edifici religiosi più caratteristici e pregevoli, figura la chiesa di San Martino, costruita, alla fine del Trecento, dagli abitanti di Sottomarina, (Clugia minor) rifugiatisi a Chioggia dopo che il loro abitato fu distrutto dai Genovesi nel 1379. In tale tempio figuravano due polittici trecenteschi – ora esposti nel Museo diocesano d’arte sacra – attribuiti alla bottega di Paolo Veneziano e considerati fra le opere più antiche ed importanti di Chioggia: uno descrive episodi della vita di San Martino, l’altro episodi legati alla B. V. Maria. Annotiamo, infine, che il 3 maggio 1712 il Senato della Serenissima repubblica di Venezia autorizzò la ricostruzione della chiesa di S. Martino nello stesso sito dove era situata prima della sua distruzione avvenuta nel corso della cosiddetta “Guerra di Chioggia” (1378-1380), con facoltà di tenervi un sacerdote per “consolatione spirituale di quel popolo”. Nel successivo gennaio 1811, la parrocchia di san Martino si rendeva canonicamente autonoma dalla parrocchia della cattedrale di Chioggia – dalla quale dipendeva facendone parte integrante – iniziando così un nuovo percorso spirituale. (Giorgio Aldrighetti)

Festività di San Martino a Sottomarina
9-10-11 novembre Bell’Italia in piazza Todaro: prodotti tipici e oggettistica da tutta Italia, a cura di Confcommercio Ascom Chioggia Confcommercio.
I pomeriggi, dalle 16, degustazioni guidate di alcuni produttori
dal 9 al 25 novembre giostre in piazzale Campo Cannoni
10-11 novembre mostra-mercato a cura di Confesercenti in viale san Marco
sabato 10/11 ore 15 inaugurazione della XV mostra micologica allestita c/o la scuola Todaro (lato nord) a Sottomarina. Sarà possibile visitarla anche domenica 11/11 dalle 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 19, a cura dell’associazione micologica “Naccari”
domenica 11, al mattino, presente la contrada di san Martino
Buon divertimento!

© Copyright 2018 by NPGrafica
Via Cristoforo Colombo 86 30015 Chioggia
P.IVA 03003270273 – C.F. PRNNLT77B64C638Y
C.C.I.A.A. Reg. Imp. 17059/1998 R.E.A. 275782
E-mail info(at)sottomarina.net
Note legali e copyrightPrivacy e Cookie Policy
Con il patrocinio